Unità per il controllo della temperatura

Contatto rete di vendita Domande? Cerca il contatto più vicino a te.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Le unità di controllo della temperatura sono frequentemente utilizzate nell'industria della plastica e della gomma. In queste applicazioni, preriscaldano gli strumenti alla temperatura operativa e dissipano il calore generato dal materiale durante la produzione in serie, evitando così il surriscaldamento dell'utensile e il danneggiamento del prodotto. Ulteriori aree di applicazione si trovano nelle industrie chimiche e farmaceutiche, nell'industria alimentare e delle bevande, nella lavorazione dei metalli o nella lavorazione del legno.

Una macchina per la produzione di plastica funziona spesso in modo continuo (24/7). Il funzionamento sicuro si basa, in gran parte, sulla qualità del controllo della temperatura.

Le unità di controllo della temperatura hanno una connessione esterna a un circuito, come nel controllo della temperatura di uno stampo a iniezione nell'industria delle materie plastiche, e sono disponibili come bagni ad immersione, come quelli utilizzati in laboratorio o per l'assicurazione della qualità. Per i processi di produzione che richiedono grandi volumi di calore e la rimozione di grandi quantità di calore, si spazia dagli strumenti di produzione di serie standard fino agli impianti di controllo della temperatura realizzati a partire da progetti (spesso sistemi multi-circuito).

Un’unità di controllo della temperatura è composta dai seguenti componenti principali:

  • Serbatoio con riscaldatore e scambiatore di calore
  • Pompa per il ricircolo
  • Controllore di temperatura

Le versioni coprono dagli strumenti di raffreddamento fino a -150 ° C agli impianti di riscaldamento (riscaldatori di olio diatermico) fino a +400 ° C. Come mezzo per il trasferimento del calore, vengono utilizzati acqua, glicole o oli diatermici.

Un livellostato assicura che il serbatoio del fluido termovettore sia sufficientemente pieno e controlla anche il rabbocco automatico. Se nel serbatoio c’è sufficiente fluido termovettore la pompa lo fa ricircolare all’interno del serbatoio. La temperatura effettiva del serbatoio viene misurata e inviata al regolatore di temperatura. Se la temperatura effettiva supera il set point l'elettrovalvola dal raccordo dell'acqua di raffreddamento si apre e raffredda il fluido termovettore nel serbatoio alla temperatura impostata. Nel caso opposto il fluido termovettore viene riscaldato, solitamente con un riscaldatore elettrico a cartuccia.

di